Michelin Logo

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

I cookie ci aiutano ad erogare i nostri servizi. Per saperne di piu'

Approvo

In informatica i cookie HTTP (più comunemente denominati Web cookie, tracking cookie o semplicemente cookie) sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server, come ad esempio siti web preferiti o, in caso di acquisti via internet, il contenuto dei loro "carrelli della spesa".

Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web. Il termine "cookie" – letteralmente "biscotto" – deriva da magic cookie (biscotto magico), concetto noto in ambiente UNIX che ha ispirato sia l'idea che il nome dei cookie HTTP.

Ogni dominio o sua porzione che viene visitata col browser può impostare dei cookie. Poiché una tipica pagina Internet, ad esempio quella di un giornale in rete, contiene oggetti che provengono da molti domini diversi e ognuno di essi può impostare cookie, è normale ospitare nel proprio browser molte centinaia di cookie.

Ragazzon Logo

Italian English French German Spanish

BUON COMPLEANNO, WALTER ROHRL

Auguri a un grande campione che ha avuto un ruolo determinante nello sviluppo delle Audi da rally

Walter Rohrl, 70 anni il 7 marzo 2017, è stato uno dei piloti più veloci degli anni ’70 e ’80 e il primo ad aggiudicarsi due titoli mondiali. Si è fatto amare per la sua guida precisa e per la grande capacità di adattarsi a qualunque mezzo avesse tra le mani. Dopo essersi messo in luce con le Opel Kadett e Ascona, la Porsche 911, la Fiat 131 Abarth e la Lancia 037, si convince una volta per tutte della superiorità delle quattro ruote motrici e così firma per il team Audi nel 1984, vincendo subito a Monte Carlo (la sua quarta vittoria nel Principato). Però in quella stagione ha molti problemi di affidabilità e il titolo venne conquistato dal suo compagno di squadra Stig Blomqvist, dopo una lotta serrata con  Markku Alen.

Famosa è l’intervista in cui racconta di come dovette imparare in fretta ad usare il piede sinistro per frenare, tecnica mai usata su una vettura a trazione posteriore.

La stagione 1985 vede il declino definitivo dell’Audi a favore della nuova Peugeot 205 Turbo 16, tuttavia Röhrl vince un rally, quello di Sanremo, strapazzando  i diretti avversari con oltre sei minuti di vantaggio, ottenendo una bella rivincita morale e personale. In seguito all’abolizione del Gruppo B partecipa e vince la più famosa cronoscalata del mondo, quella del Pikes Peak dove fa segnare il record del tracciato in 10:47,85 battuto poi l’anno successivo da Ari Vatanen per soli 63 centesimi.

Una volta ritiratosi dai rally, Walter non abbandona comunque il mondo dei motori poiché dal 1988 al 1992 lavora per l’Audi come test driver e occasionalmente partecipa alle gare di TransAm (due vittorie), IMSA e GTO (solo la vittoria nella gara in cui ha partecipato) e DTM (una vittoria).Lavora anche come test-driver e uomo immagine della Porsche e partecipa volentieri  anche a rally riservati alle “vecchie glorie” e a raduni storici.

Nel 2001 è inoltre uomo immagine nella campagna pubblicitaria per gli pneumatici invernali della Pirelli.

In sostanza un campione a 360° che insieme al navigatore Christian Gestdorfer ha scritto pagine indimenticabili di questo sport e lasciando un eredità pesantissima composta da ben 14 vittorie, 31 podi e 494 punti conquistati in 75 rally disputati.

Gabriele Mutti in collaborazione con Sanremo Rally Team - Passione Auto

Giornalista professionista 

 
Vota questo articolo
(0 Voti)

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Ospiti : 110 Ospiti online Bloggers : Nessun blogger online

© Copyright 2003 - 2017 Inaudita.com 
All Rights Reserved
Webmaster Mattia Bernasconi

Vai all'inizio della pagina